NEWS

Questo servizio è offerto da Papertel

Enrico Calentini è il nuovo presidente di Agia-Cia

Il monito: «Difficoltà di accesso al credito e alla terra, serve un cambio di rotta per dare più forza ai giovani». La nomina a Roma durante l'assemblea elettiva straordinaria. Succede a Stefano Francia L'articolo Enrico Calentini è il nuovo presidente di Agia-Cia è un contenuto originale di Terra e Vita.

Consulta l'articolo completo a questo indirizzo

https://terraevita.edagricole.it/featured/enrico-calentini-e-il-nuovo-presidente-di-agia-cia/

Per aprire una discussione in un gruppo devi essere registrato. Se sei già registrato accedi e apri una nuova discussione.
Accedi Iscriviti

giovani agricoltori
Il monito: «Difficoltà di accesso al credito e alla terra, serve un cambio di rotta per dare più forza ai giovani». La nomina a Roma durante l’assemblea elettiva straordinaria. Succede a Stefano Francia

Enrico Calentini è il nuovo presidente di Agia, l’Associazione dei giovani imprenditori agricoli di Cia-Agricoltori Italiani. La nomina, all’unanimità, è avvenuta a Roma, in occasione dell’assemblea elettiva straordinaria tenutasi presso l’Auditorium “Giuseppe Avolio”. Calentini succede a Stefano Francia che ha guidato Agia-Cia dal 2018 e ricopre ora il ruolo di presidente Cia Emilia-Romagna.

Più forza e valore ai giovani agricoltori

Accesso al credito e alla terra, formazione, innovazione, trasferimento della conoscenza: questi i temi portanti sui quali Agia-Cia sarà impegnata nel prossimo futuro. «Il ruolo dei giovani è centrale – ha ribadito Calentini – e Agia avrà il compito di affiancare e valorizzare le loro idee e la loro crescita e di portare la loro voce nei tavoli istituzionali, affinché possano continuare ad operare ed essere protagonisti del futuro che ci attende».

Giovani agricoltori, «sollecitare politiche nazionali ed europee più incisive»

Imperativo è per Agia-Cia, ha sottolineato il neo presidente, sollecitare politiche nazionali ed europee più rapide e incisive, a cominciare dalla Pac 2023-2027, per agevolare il ricambio generazionale in agricoltura, settore che negli ultimi 10 anni, dati Istat alla mano, ha perso circa il 20% delle aziende guidate da under 35. Più di 56 mila imprese che, però, crescono per ettari (18,3 di Sau per azienda contro i 10,7), sono più orientate al mercato, propense all’innovazione (il 24,4% ha fatto almeno un investimento innovativo tra il 2018 e il 2020, a fronte del 9,7% dei non giovani) e il cui livello di digitalizzazione è il doppio dell’agricoltura nel complesso.

Un potenziale da blindare, secondo Agia-Cia, di fronte alle pressioni della crisi economica in atto e da incentivare, da una parte viste le ambizioni europee per la sostenibilità e, dall’altra, tenuto conto del rischio spopolamento delle aree rurali del Paese che sono il 60% dell’intera superficie nazionale.

Strategici dovranno allora dimostrarsi gli strumenti previsti dalla nuova Pac, nel I e II Pilastro, per attirare e sostenere i giovani agricoltori, e la politica agraria nazionale attraverso incentivi tributari, accesso alla terra, contributi agli investimenti, accesso alla conoscenza, politiche fiscali e regionali di sviluppo rurale. 

Passaggio generazionale, formazione, innovazione

Strategiche continueranno a essere, a tal fine, le azioni di rappresentanza di Agia-Cia «affinché – ha puntualizzato Calentini – si concretizzi il processo di affiancamento giovani-anziani, ancora fortemente presenti nel tessuto produttivo, e si intensifichi cioè la cooperazione tra generazioni».

Fondamentale sarà anche, ha spiegato Calentini, il rafforzamento dei rapporti tra giovani imprenditori agricoli e studenti di Istituti Agrari e Università.

Centrale infine il tema della ricerca e dell’innovazione affinché le nuove tecnologie, dalla robotica alla sensoristica, arrivino in campo a servizio delle imprese studiando, con big player della meccanizzazione, soluzioni hi-tech adatte a un’agricoltura chiamata alla resilienza e alla sostenibilità. 

«Sarà importante – ha quindi spiegato Calentini – preservare la capacità di ascolto dell’associazione e di confronto sul territorio per realizzare quella transizione che è davvero necessaria a un settore piegato dalle calamità naturali, dal caro energia e dall’aumento insostenibile dei costi produttivi. Andiamo avanti forti delle grandi battaglie di Agia-Cia, e consapevoli che l’ultimo miglio digitale è ancora un traguardo da raggiungere e su cui si gioca il futuro delle aree interne e, con esse, di un’agricoltura tutta italiana, e di qualità, che conta innanzitutto sui giovani».

«I giovani saranno il motore della ripresa»

Al neoeletto presidente nazionale di Agia-Cia, i primi auguri arrivano dal numero uno di Cia-Agricoltori Italiani, Cristiano Fini: «alla vostra generazione di imprenditori agricoli è richiesto, oggi, da più fronti, uno sforzo senza eguali, ma sono certo che saprete trarne vantaggio per accelerare la ripresa e affermare il vostro ruolo nell’economia nazionale. Da parte nostra, come adulti del mestiere e dirigenza nazionale, tutto il sostegno necessario a portare i vostri progetti oltre gli ostacoli».  

Enrico Calentini, il profilo

Imprenditore agricolo nel settore ortofrutticolo, della trasformazione e dell’ospitalità a Francavilla al Mare, in provincia di Chieti, vicepresidente Agia-Cia Abruzzo, Enrico Calentini, già vicepresidente in Agia-Cia dallo scorso anno, è entrato nell’organizzazione agricola nel 2015, scelto per il gruppo di Dialogo Civile “Spirits” in rappresentanza del Ceja, il Consiglio europeo dei giovani agricoltori, di cui dal 2018 fa parte in qualità di delegato Agia-Cia. A livello locale, è stato presidente provinciale Agia-Cia Chieti-Pescara.

 

Leggi anche: Gioventù beffata

 

 

 

L’articolo Enrico Calentini è il nuovo presidente di Agia-Cia è un contenuto originale di Terra e Vita.

Bookmarked By

Avatar di